News

Contributi a sostegno degli impianti natatori

Si segnala che è possibile presentare alla Provincia autonoma di Trento la domanda di concessione e liquidazione del contributo a fondo perduto con procedura automatica a favore degli impianti natatori che hanno registrato un significativo calo del fatturato per effetto della chiusura dovuta al perdurare della pandemia da Covid-19.

Cos'è
È un contributo a fondo perduto concesso a favore degli impianti natatori che alternativamente nel 2020 o nel 2021 hanno registrato rispetto al 2019 un significativo calo del fatturato per effetto della chiusura dovuta al perdurare della pandemia da Covid-19.

Per poter beneficiare del contributo le associazioni e società sportive dilettantistiche devono aver registrato, alternativamente nell’anno 2020 o nell’anno 2021, una riduzione di almeno il 30% dell'ammontare del proprio fatturato registrato nell'anno 2019. Per fatturato si intende il volume d’affari. Per i soggetti non tenuti alla presentazione della dichiarazione IVA, va considerato, in luogo del volume d’affari, l'ammontare dei ricavi che risulta dalle dichiarazioni dei redditi.

L'ammontare del contributo a fondo perduto è determinato nella misura pari al 30% della differenza di fatturato, calcolata rispetto all’esercizio finanziario indicato in sede di domanda, nel limite di 40.000 euro per ciascuna associazione o società dilettantistica.

Sulla base delle risorse disponibili sono finanziate tutte le domande ammesse. Qualora le risorse non sono sufficienti al finanziamento integrale delle domande ammesse, si procede tra tutte alla rideterminazione proporzionale del contributo.

Sono esclusi dal contributo i soggetti che hanno già ottenuto la concessione di agevolazioni ai sensi di altre leggi provinciali o da altri soggetti pubblici per le stesse finalità al momento di presentazione della domanda.

Il contributo è previsto dall'articolo 13 quinquies della legge provinciale 13 maggio 2020, n. 3 “Ulteriori misure di sostegno per le famiglie, i lavoratori e i settori economici connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19 e conseguente variazione al bilancio di previsione della Provincia autonoma di Trento per gli esercizi finanziari 2020 - 2022”.

A chi si rivolge
Società e associazioni sportive dilettantistiche, come definite dall’articolo 2, comma 2 dei criteri e modalità di attuazione della legge provinciale 21 aprile 2016, n. 4 “Legge provinciale sullo sport 2016”, approvati dalla Giunta provinciale con deliberazione n. 1321 del 30 agosto 2019, che svolgono come attività prevalente, comunicata ai sensi dell'articolo 35 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633, la gestione di piscine.

I soggetti interessati possono presentare una sola domanda dal 28 aprile al 22 maggio 2022.

Per più informazioni visitare il sito ufficiale della Provincia

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,484 sec.